Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Storia di Venezia’ Category

Le acque risorgive sono un patrimonio ambientale e storico molto importante. Sono da fruire in modo green e da tutelare. In Italia sono poche. Le troviamo perlopiù sulla Pianura Padano-Veneta e la Pedemontana Etnea. Il Sile è fiume risorgivo del Veneto.   

Ma cosa sono le risorgive? Le acque piovane e fluviali, trovando terreno molto permeabile, penetrano nel sottosuolo, creano una falda freatica e poi tornano in superficie seguendo naturalmente lo stesso principio di permeabilità.

Il Sile sfocia in Adriatico vicino a Venezia, nel porto di Piave Vecchia facendo da confine tra i comuni di Jesolo e Cavallino-Treporti (ex Comune di Venezia). Fino a circa tre secoli fa sfociava a Portegrandi di Quarto d’Altino. Qui c’è Altino, antichissimo insediamento paleoveneto.

Dopo la conquista dei Romani divenne territorio strategico, scalo commerciale posizionato lungo il protostorico tracciato della famosa Via Annia che un giorno o l’altro andremo a conoscere meglio. Ad Altino, pochi anni fa, è stato inaugurato il meraviglioso Museo Archeologico Nazionale di Altino.

Ad Altino faremo la tappa finale per poi ritornare a Treviso. Merita andarci per gustare le tante interessanti proposte (ingresso libero aperto al pubblico) di Opendream Food anche in compagnia dei fantastici Vignaioli Indipendenti Trevigiani.

open dream food opendream - fiume sile 30 marzo 2018 terme di venezia - fornace ex pagnossin treviso - damaso zanardo - sei green sei food regione veneto

Dove nasce il Sile?

Nasce da risorgive in territorio trevigiano a Casacorba di Vedelago e padovano a Torreselle di Piombino Dese dove sta il fontanasso dea Coa Longa (coda lunga), considerato sorgente principale. Nel 1683 la  Repubblica Serenissima deviò il corso del Sile con il canale Taglio del Sile. In questo modo, i serenissimi ingegneri idraulici risolsero alcuni gravi problemi di gestione della Laguna di Venezia. Interramenti di ghebi e canali erano causati dal trasporto di sostanze fangose, sabbiose, vegetali e organiche. Trasferirono le acque sul vecchio letto del Piave, a sua volta deviato più a Est, perciò l’ultimo tratto del Sile viene chiamato Piave Vecchia.

Sono famosi i burci del Sile che trasportavano le mercanzie da Treviso a Venezia pagando prima il dazio. Lungo il Sile c’è da vedere l’affascinante scenario del cimitero dei burci.

Il Sile, Burano ed Hemingway

A Portegrandi il vecchio corso è ancora attivo, si può fare in barca e in canoa. Con la diramazione del Silone, dà accesso diretto in Laguna di Venezia. Il traffico nautico è regolato da chiuse. Su una di esse c’è ancora ben conservata la stele in marmo con scolpito quanto si doveva pagare alla Repubblica Serenissima per entrare in Laguna con i burci.

Il Silone si dirama in Laguna prolungato dal canale dei Borgognoni, ossia il canale che porta a Burano, l’isola capitale del Merletto. Di questo particolare itinerario ne parleremo in un secondo momento, cioè quando ci inoltreremo a scoprire natura e bellezze, storie e leggende lungo il canale dei Borgognomi attorno a Burano e Torcello. Avremo come cornice i racconti lagunari dello scrittore Ernest Hemingway.

—————————-

Tutti i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riutilizzabili da chiunque con Licenza Creative Commons a condizione che nel web siano citate le fonti con link, oppure date evidenze bibliografiche nei testi cartacei.

Annunci

Read Full Post »

Tra le memorie delle Terme a Venezia, negli studi storici di Nelli-Elena Vanzan Marchini emergono alcune interessanti curiosità come la gondola da bagno.

terme a venezia in gondola - the land of venice primavera 2018 - nordest italy acqua - immagine by nella vanzan marchini

“Nel corso del Settecento, con la scoperta del termalismo marino e con la moda della villeggiatura sulle coste, lanciata dai regnanti di Inghilterra nelle gelide acque dell’Oceano, si affermarono anche le proprietà sananti dei bagni di laguna.

Dopo la caduta della Serenissima, al mito dell’intangibilità Repubblicana si sostituì l’immagine sensuale di una Venezia termale. Della città i nordici dominatori apprezzavano il clima, il tepore e la quiete dei canali lagunari. Persino alla sua nebbia si riconobbe una penetrante proprietà terapeutica.

Venezia si popolò di stabilimenti balneari galleggianti e di hotel sul Canal Grande attrezzati per offrire ogni sorta di bagni, dolci o salati, caldi o freddi, di mare o di laguna. Si applicavano anche i fanghi di Venezia o di Abano, questi ultimi più costosi perché trasportati con la ferrovia costruita nel 1846.

Si progettarono delle gondole da bagno sostituendo il fondo con una griglia e dotandole di un felze modificato per consentire al bagnante di spogliarsi e restare immerso nell’acqua, godendo in assoluta privacy dell’idromassaggio prodotto dai gondolieri che remavano contro corrente.

Vere e proprie piscine erano “le Sirene”, imbarcazioni da trasporto adattate perché le signore si bagnassero comodamente al riparo da occhi indiscreti. In una di queste si svolse il primo furtivo amplesso fra Livia e Remigio, protagonisti di “Senso” di Camillo Boito che ispirò il film di Visconti.”.

 

fonte storica:

Read Full Post »